lezione 2 - scuolamtb.com

Vai ai contenuti

Menu principale:

lezione 2

storie



   Lezione -2- Bunny Hop anticipi -e- compressioni

Procedono a ritmo serrato le lezioni tecniche col Vale, sempre prodigo di consigli e “dritte” che ti schiudono un mondo. La lezione di oggi, in particolare,  è focalizzata su due aspetti della guida, poco noti “ai molti”, ma utilizzati tantissimo dai cosiddeti “pro”. Gli anticipi e il modo corretto per affrontare le compressioni del terreno e come sfruttarle a nostro “vantaggio”.

Alla base di tutto una manovra, il Bunnyhop, a prima vista difficile e complicata, ma che il Vale mi ha trasmesso rapidamente in poco più di mezzora di apprendimento, “spezzando” l’esercizio in tre fasi distinte, per poi accorparlo in un unico movimento.  Per chi non lo sapesse, il Bunny hop (foto sotto) è quella manovra che permette di sollevare entrambe le ruote da terra anche sul piano.




Perché una manovra, apparentemente “da circo”, serve “come il pane” nella guida in mountain bike? Perché può tornare utile per “scavalcare” un  ostacolo che ci si presenta all’improvviso sul sentiero (come un tronco o un grosso sasso) o, soprattutto, perché lo stesso movimento può servirci per “anticipare” una serie di ostacoli o per “affrontare” delle situazioni particolari.

“Volare” sugli ostacoli
Quali? Per esempio, anticipare un tappeto di radici! È incredibile la differenza che si percepisce nel “tuffarcisi” dentro, “sperando” che tutto vada per il verso giusto o anticiparle, “saltandole” via. Ci si guadagna sia in termini di sicurezza che di velocità nell’esecuzione (foto sotto).









Sfruttare le compressioni
Un’altra situazione che può capitare spesso sui trail è quella delle compressioni, piccole o medie risalite, seguite da altrettanto discese, magari in sequenza. Ebbene, se non affrontate nel modo corretto, come nel mio caso, una situazione del genere ti rallenta incredibilmente. Invece affrontando l’ostacolo, anticipando la salita e ritrovandosi così a “pompare” la bici giù per la discesa, si sfrutta il terreno per guadagnare velocità. Provare per credere!





 
Torna ai contenuti | Torna al menu